Prodotti Locali

Tsipouro

Tsipouro è un brandy locale, è un forte liquore distillato che contiene alcol al 45 % e viene prodotto dalla distillazione di residui della spremitura di uve. Secondo la tradizione, la prima produzione di raki è stata opera di alcuni monaci greco-ortodossi, ed è avvenuta nel corso del XIV  secolo sul Monte Athos.
Nel 2006, la Grecia ha presentato una richiesta per l'UE riconoscere il raki come prodotto DOP (Denominazione di Origine Protetta).Questa bevanda greca ha la fragranza dell’anice, e ha  l’autentico gusto della tradizione. Viene distillata con l’insieme di erbe selezionate di origine greca: l'anice macedone, che per secoli è stato il dolcificante che toccava i cuori dei Greci.
Nel mese di settembre durante  la vendemmia, le uve vengono trasportati dalla vite in appositi torchi. Dopo la spremitura le uve vengono messe nelle vasche per la produzione di raki, inizia la fermentazione dove lo zucchero si converte in alcool e si lascia fermentare. Così arriva il momento della produzione di raki, un'occasione molto speciale, un processo che è un rito. Il mese di ottobre è sempre stato molto importante per noi, in quanto segna la continuazione di una tradizione che sopravvive ancora oggi. Questa è l'era del "calderone" dove le mietitrici, lavorano giorno e notte intorno al fuoco, seguendo una procedura tramandata da  anni.
In un primo momento la vinaccia,che è la parte solida dell'uva, viene divisa dal mosto che sarà utilizzato per la produzione del vino. La vinaccia viene torchiata e “le pelli”(la buccia dell’uva) saranno collocati nella amvaka (piatto) che è una caldaia a tenuta d’aria.Viene aggiunto il vino alle vinacce e portato ad ebollizione. Quando il materiale comincia a bollire,inizia la distillazione, si forma del vapore che passa attraverso una serpentina in rame che a sua volta esce in una grande vasca con acqua fredda in modo che il vapore può essere raffreddato e liquefatto e produce il primo distillato. Siamo alla fine della prima distillazione. La prima distillazione ha una gradazione alta a partire da 27° e  più liquido uscirà e più si abbasserà la gradazione fino ad arrivare a 17°, 15° o 14° fino alla fine del punto di ebollizione. Quando si raggiunge i gradi desiderati , la prima bollitura, che dura circa un'ora, termina. Ma la produzione di raki non è finita, questa prima distillazione si chiama "suma" perché ha un cattivo odore ed estremamente forte. Poi viene fatta una seconda distillazione, dove viene messo, dopo aver rimosso tutte le vinacce e pulita la caldaia, il checksum  con anice e spezie speciali.E 'un lavoro duro, ma allo stesso tempo di grande gioia, perché l'intera preparazione è associata a cibo, bevande e divertimento. Così, le ore vicino al calderone passano velocemente e allegramente insieme agli amici. L'anice è usato per dare una migliore qualità alla bevanda. Ricorda un po’ l’ouzo, anche se si tratta di una bevanda diversa. Tsipouro è anche conosciuto come Raki in altre parti della Grecia, tipo a Creta, nonostante sia una bevanda simile,è molto più forte. Deve essere bevuta ad intervalli ,con acqua fredda o ghiaccio, con formaggio feta, olive o altri snack, ma attenzione in quanto lascia una scia di fuoco in gola, bruciando dolcemente. Alla vostra salute!

MIELE

Il grande filosofo Aristotele amava il miele di Halkidiki. Aristotele elogiava il miele e i suoi benefici , 2300 anni fa, sostenendo che il miele prolunga la vita. Halkidiki è la capitale dell’ apicoltura della Grecia con oltre 6.500 apicoltori che producono 1.900 tonnellate di miele all'anno. Il miele è un alimento dolce che le api producono utilizzando il nettare dei fiori. Le api convertono  il nettare in miele con il metodo della regressione e lo depositano come fonte primaria di cibo negli alveoli (cera). Il miele prende la dolcezza del fruttosio, glucosio e monosaccaridi e ha più o meno la stessa dolcezza dello zucchero semolato. Ha interessanti proprietà chimiche e un sapore caratteristico che porta alcune persone a preferirlo allo zucchero e ad altri dolcificanti. La maggior parte dei microrganismi non crescono nel miele a causa del suo basso contenuto d'acqua. Il  miele ha una lunga storia di consumo umano ed è usato in vari alimenti e bevande come dolcificante e l’aroma e il sapore del  miele varia in base al nettare. E 'utilizzato anche per la preparazione di  medicinali e per il trattamento di malattie. Le api creano il nido in tanti alveoli di modo che si ha un ricco raccolto di miele. In ogni alveolo,ci sono tre tipi di api: l’ape regina, un numero variabile di api maschili (droni) che fecondano le api regine e infine ci sono da 20.000 a 40.000 api operaie femmine. Le api operaie,facendo avanti e indietro, raccolgono il nettare dai fiori e lo depositano negli alveoli del alveare e che poi maturerà. Poi l’apicoltore rimuove i nidi d’ape dove è già maturato il miele lo estrae e lo filtra., lasciando l'alveare. La raccolta del miele è solitamente associato all'uso del tabacco per calmare le api e renderle molto meno aggressive.

45799 orig-300x199
7
4
Med u sacu karlovic1
1
9
10
5
2
Bee on -calyx 935
Runny hunny
6
3
6169315 orig-300x249